PRIMO PIANO

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sui Cookie e sulla Privacy

Informativa sui cookie

Cosa sono i cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su Internet, quando si leggono determinate email o quando si utilizzano determinati servizi. Sono semplici righe di testo usate per diverse finalità: eseguire autenticazioni automatiche, memorizzare informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, tenere traccia di comportamenti a finalità statistiche. La gestione dei cookie è sotto il controllo diretto dell’utente: è possibile impedire la registrazione dei cookie, cancellarli o semplicemente selezionare quelli che si desidera conservare. Nella maggior parte dei browser i cookies sono abilitati di default; in questa informativa troverai le informazioni necessarie per modificare le impostazioni dei cookies sul tuo browser.

Vi forniamo queste informazioni in quanto parte integrante della nostra iniziativa finalizzata al rispetto della legislazione recente intervenuta in materia, e per assicurare la nostra onestà e trasparenza in merito alla tua privacy quando ti servi del nostro sito internet. Queste informazioni sono fornite dal sito internet claaicampania.it, gestito dalla Proxys consulting srl, conformemente al provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’8 maggio 2014, recante “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”.

 

Calendario Eventi

CCNL edilizia artigianato 2014: sottoscritto un nuovo accordo

ccnl-edilizia-artigianato-2014
 
Il 16 ottobre 2014 è stato sottoscritto dalle Associazione dell'edilizia – CLAAI, Confartigianato, Casartigiani, CNA – ed i sindacati di categoria – Fillea/CGIL, Filca/CISL, Feneal/UIL - un nuovo accordo sull'edilizia...
L'obiettivo è riallineare il livelli retributivi dell'artigianato a quelli previsti dagli altri contratti del settore sottoscritti successivamente tenendo conto della riduzione inflazionistica nel frattempo intervenuta.
 
CCNL edilizia artigianato 2014
 
Con riferimento ai contenuti dell'accordo  stesso, le parti in osservanza della clausola contenuta nella dichiarazione comune a margine delle tabelle salariali, di cui all'accordo 24 gennaio 2014,  con il quale era stato rinnovato il CCNL da valersi per  i lavoratori dipendenti delle imprese artigiane e delle piccole imprese industriali dell'edilizia, hanno inteso procedere alla armonizzazione dei salari contenuti nel suddetto accordo con quelli definiti in analoghi contratti del settore al fine di salvaguardare condizioni economiche omogenee tra le imprese, in considerazione del perdurare della crisi del comparto delle costruzioni e della riduzione inflazionistica intervenuta. 
 
In tal senso sono state rideterminate le tabelle salariali, con annullamento delle precedenti,  contenute nell'accordo del 24 gennaio 2014. 
 
In sintesi il nuovo accordo prevede:
  • La scadenza del contratto è stata spostata dal marzo al giugno 2016.
  • Le tranche contrattuali sono state ridotte da tre a due: la prima (di 33,00 euro al 3° livello) già erogata da gennaio 2014, l'altra che scatterà da luglio 2015 (e non da gennaio).
  • Il nuovo importo della seconda tranche -di 22,60 € al 3° livello- è già decurtato del contributo mensile -di 10,40 € al 3° livello- che le Organizzazioni sindacali hanno chiesto venga versato, da gennaio 2015, a tutti i lavoratori per la loro previdenza complementare, con una conseguente iscrizione contrattuale di tutti i dipendenti a Prevedi. Si è chiarito che tale iscrizione, però, non comporta l'adesione ordinaria al fondo previdenziale (con i conseguenti ulteriori oneri), né tanto meno il conferimento del TFR.
  • A titolo di acconto su futuri aumenti contrattuali, dall'aprile del 2017, è poi prevista l'erogazione di un ulteriore importo -di 44,00 € al 3° livello- che però sarà riassorbito dai futuri rinnovi.
  • Per quanto attiene il salario di produttività, o Elemento variabile della retribuzione (EVR), si è chiarito che il 6%, che era stato confermato nell'accordo di gennaio, costituisce la misura massima, e non il riferimento assoluto per il suo calcolo sulla base dei parametri indicati contrattualmente.
 
 

Cerca

News